News

Benvenuto su ToscoBAT ! 
Prima di affrontare l'escursione in una grotta, controlla nel database se già vi sono conosciuti dei pipistrelli. La tua segnalazione potrebbe essere la prima per la grotta, o la prima della stagione! Potresti confermare delle presenze, ma anche il dato di assenza è importante per capire le esigenze dei chirotteri. In ogni caso saprai come prepararti all'incontro con i nostri amici pipistrelli e valuterai se occorrerà fare attenzione a non disturbare il loro sonno invernale. Buona grotta!

ToscoBAT
è stato premiato dalla SSI come il miglior progetto italiano di salvaguardia dell'ambiente ipogeo. Tutto questo grazie alle VOSTRE segnalazioni. Un grandissimo ringraziamento a tutti!

Una collaborazione tra il Museo di Storia Naturale di Firenze e la Federazione Speleologica Toscana

Per segnalare l'avvistamento di pipistrelli e partecipare alla ricerca, registrati indicando la tua e-mail ed il tuo Gruppo Speleologico 

Cosa spinge gli speleologi ad esplorare il mondo sotterraneo? Cosa 
li porta in questi luoghi dove tutto è buio, spesso fangoso, freddo. La speleologia non è uno sport e neppure una scienza. Forse gli speleologi sono degli esploratori, dei raccoglitori di dati che nel mondo esterno sono solo supposizioni ed ipotesi che solo “andando in profondità” si possono verificare.

Anche quella degli zoologi è una strana genìa. Per comprendere meglio i meccanismi naturali sono disposti a tutto, anche ad affrontare profondi pozzi bui. La collaborazione scientifica di molti Gruppi Speleologici con il Museo di Storia Naturale di Firenze è una realtà ormai consolidata e la colla che li unisce è la passione per quell'ecosistema fragile e unico che è la grotta. Insieme stanno imparando a conoscerlo e a proteggerlo. Unisciti al gruppo anche tu!


... la colla che ci unisce è la comune passione per quell'ecosistema fragile e unico che è la grotta.

Museo di Storia Naturale dell’Università di Firenze e-mail: toscobat@msn.unifi.it

Per ogni tua curiosità sui pipistrelli e per avere altre info sul progetto scrivi al Museo